Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per garantire una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Stampa

Salvato barbagianni ferito

Il 25 maggio alle 9.40 durante l’ora di scienze motorie è stato avvistato un barbagianni mentre due classi giocavano a calcio. In seguito all’intervento dei professori e dei collaboratori, il barbagianni si è spaventato. Aveva una zampa e un’ala ferita ed è stata immediatamente chiamata la LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli), affinché potesse esser curato. Il barbagianni è un uccello rapace notturno appartenente alla famiglia dei titonidi; ha un’altezza di 33-39 cm, un’apertura alare di 80-95 cm e pesa circa 200 grammi. Si trova in tutti i continenti, ma non in Antartide e nei paesi dove il clima è freddo, come le Alpi e la Scandinavia. Si ciba di rane, insetti e animali dannosi all’uomo, come ratti e talpe. Rappresenta l’animale notturno più utilizzato nella falconeria.
Argilli Francesco II D

barbagianni_01 barbagianni_02 barbagianni_03

Via Rivellese, 1 - Tivoli (RM) 00019 - Tel. 06121128165 

Codice meccanografico dell'Istituto: RMPS200007 - Codice Fiscale 86000800580

email rmps200007@istruzione.it